Progettuale Meccanico

Laurea Magistrale di Ingegneria indirizzo “Progettuale Meccanico”

 

Il Corso
Il percorso di studi Progettuale Meccanico forma un ingegnere industriale con un’approfondita conoscenza delle tematiche proprie che caratterizzano questo ambito. Le competenze degli ingegneri industriali con indirizzo Progettuale Meccanico riguardano la progettazione e l’innovazione di prodotti e di processi industriali, anche di elevata complessità tecnologica e impiantistica, nonché la gestione, la manutenzione e l’organizzazione di macchine, sistemi e impianti.

Obiettivi
I laureati in Ingegneria Industriale a indirizzo Progettuale Meccanico:
› sono in grado di ideare, pianificare, progettare e gestire sistemi, processi e servizi complessi e/o innovativi
› sono in grado di progettare e gestire esperimenti di elevata complessità
› conoscono i più avanzati criteri progettuali, con particolare riguardo alle tematiche meccanico-costruttive
› conoscono, oltre alle principali problematiche tecniche e scientifiche, anche quelle legate alla sicurezza, all’interazione con l’uomo, all’economia e all’impatto ambientale e sociale

Didattica
L’impostazione didattica comune a tutti gli insegnamenti prevede che la formazione teorica sia accompagnata da esemplificazioni, applicazioni, lavori individuali e di gruppo, verifiche che sollecitino la partecipazione attiva, l’attitudine propositiva e la capacità di elaborazione autonoma. A completamento del percorso formativo, lo studente svolgerà un tirocinio, preferibilmente, in ambito industriale e un impegnativo lavoro di tesi durante il quale, sotto la guida di un docente, dovrà realizzare un progetto oppure condurre uno studio su argomenti di frontiera dell’ingegneria, svolgendo attività di modellazione teorica o numerica e attività sperimentali di laboratorio.

Sbocchi Occupazionali e Professionali
L’ingegnere magistrale sarà in grado di operare in un ventaglio estremamente ampio di attività e risulta immediatamente inseribile nel tessuto aziendale, nel settore pubblico e, dopo aver acquisito l’abilitazione, nella libera professione. Una volta acquisita una sufficiente maturità professionale, può inoltre assumere incarichi direttivi in aziende, società di servizi ed enti pubblici. I principali sbocchi occupazionali sono nelle industrie meccaniche ed elettromeccaniche, nelle aziende e negli enti per la conversione dell’energia, nelle imprese impiantistiche, nelle industrie per l’automazione e la robotica, nelle imprese manifatturiere in generale, per la produzione, l’installazione e il collaudo, la manutenzione e la gestione di macchine, linee e reparti di produzione e sistemi complessi.

PIANO DI STUDIO

I Anno
Progettazione di macchine – 9 crediti
Progettazione funzionale – 9 crediti
Progettazione meccanica – 9 crediti
Tecniche virtuali di progettazione – 9 crediti
Studi di fabbricazione – 9 crediti
Meccanica del continuo – 6 crediti
A scelta dello studente – 6 crediti

II Anno
Metallurgia meccanica – 9 crediti
Materiali metallici – 9 crediti
Progettazione impianti – 9 crediti
Strategia d’impresa e organizzazione industriale – 9 crediti
A scelta dello studente – 6 crediti
Tirocinio – 3 crediti
Prova finale – 18 crediti

Insegnamenti a scelta dello studente
Affidabilità e sicurezza delle macchine – 6 crediti
Metodi sperimentali per la dinamica strutturale – 6 crediti
Analisi di controllo ambientale – 6 crediti