Ingegneria civile e ambientale (Magistrale)

Laurea Magistrale in Ingegneria indirizzo “Ingegneria civile e ambientale”

 

Il Corso
Il corso magistrale ha lo scopo di formare figure professionali molto qualificate e richieste dal mondo del lavoro, sia in ambito nazionale che internazionale, ossia ingegneri con un elevato livello di specializzazione, in grado di ricoprire ruoli tecnici e tecnico-organizzativi nei diversi contesti lavorativi tipici dell’ingegneria Civile e Ambientale, quali pubbliche amministrazioni, industrie, libera professione.

Obiettivi
I laureati in Ingegneria Civile e Ambientale:
› conoscono approfonditamente gli aspetti teorico-scientifici della matematica e delle altre scienze di base
› sanno identificare, formulare e risolvere, anche in modo innovativo, problemi complessi o che richiedono un approccio interdisciplinare
› sanno ideare, pianificare, progettare e gestire sistemi costruttivi, processi e servizi complessi ed eventualmente innovativi
› sono in grado di progettare e gestire esperimenti di elevata complessità
› sono dotati di conoscenze contestuali e capacità trasversali
› conoscono la cultura d’impresa e l’etica professionale

Didattica
Il corso fornisce agli studenti gli strumenti per formalizzare e risolvere i problemi tipici dell’ingegneria Civile e Ambientale con un livello di approfondimento superiore a quello consentito dalle conoscenze tipiche dei corsi di I livello. L’impianto didattico persegue i seguenti obiettivi.
› Fornire un’ampia preparazione specialistica sulla sicurezza delle strutture e delle infrastrutture attraverso corsi orientati alla progettazione avanzata di: opere geotecniche; strutture di opere civili anche di notevole complessità e costruite in zona sismica, incluse le strutture di fondazione; interventi di miglioramento e adeguamento sismico, di consolidamento e rinforzo delle strutture delle costruzioni esistenti, anche con tecniche e materiali innovativi; sistemi e infrastrutture di trasporto, opere idrauliche di difesa e per l’utilizzazione e lo sfruttamento delle risorse idriche.
› Rendere gli studenti in grado di risolvere problemi che richiedono conoscenze interdisciplinari con particolare riferimento a tematiche di grande attualità, quali ad esempio la conservazione dei beni architettonici e monumentali.
› Rendere gli studenti in grado di utilizzare strumenti per il calcolo automatico e la progettazione assistita delle strutture e delle infrastrutture, fornendo nel contempo ad essi la conoscenza dei fenomeni fisici necessaria all’applicazione di metodi speditivi per il controllo e la formulazione di un giudizio critico sui risultati.
Gli studenti completano il percorso formativo mediante un tirocinio presso studi di progettazione, imprese di costruzioni, enti pubblici e un impegnativo lavoro di tesi, durante il quale l’allievo, sotto la guida di un docente, deve realizzare un progetto oppure condurre uno studio su argomenti di frontiera dell’ingegneria Civile e Ambientale, svolgendo attività di modellazione teorica o numerica e attività sperimentali in laboratorio.

Sbocchi Occupazionali e Professionali
I laureati in Ingegneria Civile e Ambientale possono inserirsi nel mondo del lavoro come liberi professionisti o come dipendenti di elevato livello nelle Pubbliche Amministrazioni, nelle imprese, nelle società di servizi e nelle industrie operanti nel settore della produzione di materiali e manufatti per l’edilizia. In particolare, i laureati magistrali possono assumere ruoli di più alto livello tecnico e di maggiore responsabilità rispetto ai laureati triennali. Possono affrontare, inoltre, tematiche progettuali e di controllo avanzate, anche di notevole complessità, e occuparsi della gestione e della manutenzione di opere civili e infrastrutture.

PIANO DI STUDI

I Anno
Idraulica marittima e costiera – 9 crediti
Progettazioni idrauliche – 6 crediti
Progettazioni di opere geotecniche – 9 crediti
Teorie delle strutture – 9 crediti
Complementi di progetto di strutture – 9 crediti
Progettazione per il recupero edile – 9 crediti
Riabilitazione strutturale – 9 crediti

II Anno
Idrogeologia applicata – 6 crediti
Chimica ambientale – 6 crediti
Teoria dei sistemi di trasporto – 6 crediti
Progettazione di strade – 9 crediti
A scelta dello studente – 9 crediti
Tirocinio – 6 crediti
Prova finale – 18 crediti

Insegnamenti a scelta dello studente
Progetto per il restauro dell’architettura – 9 crediti
Materiali strutturali e per le costruzioni – 9 crediti
Complementi di scienza delle costruzioni – 9 crediti
Tecnologie di controllo ambientale – 9 crediti